Appalti selvaggi per i Mondiali di Sci di Cortina: 50 lavoratori lasciati per mesi senza stipendio

Appalti selvaggi per i Mondiali di Sci di Cortina: 50 lavoratori lasciati per mesi senza stipendio

Cortina (Belluno), 7 maggio 2021 – Marco Nardini (segretario generale Fillea Cgil Belluno) e Ilaria Sperandio (funzionaria Fillea Cgil Belluno) danno voce ai lavoratori dimenticati degli appalti per i lavori dei mondiali di Sci di Cortina 2021 e inviano una nota.

“A Cortina, passo Tre Croci, davanti all’albergo Tre Croci, questa mattina c’è stata la protesta di 50 lavoratori che non hanno ricevuto tra i 3 e i 4 mesi di stipendio per i lavori effettuati nell’albergo.

Si tratta della struttura che ha ospitato le autorità in occasione dei Mondiali di Sci del febbraio 2021.

B&B Hotel, proprietaria dell’albergo, ha dato in appalto i lavoratori alla SBP, ditta di impiantistica, che a sua volta ha ceduto una parte dei lavori alla Edilcantieri, che ha fatto due ulteriori sub appalti a due aziende: G3 multiservice di Brescia  e Isolegessi di Milano.

È in corso un rimpallo di responsabilità tra le diverse aziende sui mancati pagamenti, fatto sta che i lavoratori sono senza stipendio.

La Fillea Cgil di Belluno proseguirà la protesta insieme ai lavoratori finché non sarà risolta la vertenza.

Un cantiere è finito non quando sono terminati i lavori, ma quando è stato pagato anche l’ultimo operaio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.