Francesco Rucco si ricandida sindaco di Vicenza proprio in Campo Marzo

Francesco Rucco si ricandida sindaco di Vicenza proprio in Campo Marzo

Vicenza, 26 gennaio 2023 – Ieri mentre in tarda mattinata presentava il progetto di riqualificazione di Campo Marco a partire da piazzale De Gasperi, il sindaco di Vicenza Francesco Rucco ha annunciato la sua ricandidatura nelle amministrative della primanvera 2023. Al suo fianco la moglie Ilaria Gusella.
«Nella fase finale di questo mandato – ha scritto anche sui social – è tempo di essere giudicati dai cittadini per il lavoro fatto. E il lavoro va anche narrato».

E continua: «In questi anni abbiamo dedicato poco tempo al racconto, molto di più al lavoro su cui mi ero impegnato nel 2018. Il cambiamento di una città è fatto di tante istantanee; possiamo immaginarne una nel 2018 ed una, oggi, nel 2023. In mezzo a queste due immagini c’è il nostro lavoro. Se recuperiamo queste due istantanee si può vedere quello che è stato fatto in questi cinque anni. Campo Marzo non è più lo stesso che abbiamo trovato e sta per fare un ulteriore salto di qualità verso una modernità che non dimentica la tradizione».

RUCCO SI RICANDIDA

«La mia scelta di ricandidarmi a sindaco di Vicenza viene ufficializzata oggi proprio in Campo Marzo – sottolinea nella nota il Primo cittadino di Vicenza -, il luogo simbolico in cui cinque anni fa veniva rappresentato il problema del degrado e della sicurezza».

«La corsa è in realtà iniziata con “Think!” nel novembre scorso – confessa Rucco -, dove ha preso forma la convergenza di forze civiche e politiche intorno ad un progetto di città che è iniziato nel 2018, ma che si è dovuto rigenerare alla luce delle trasformazioni e dei bisogni mutati in questi anni di Covid e crisi internazionale. Il mondo e anche Vicenza, non sono gli stessi del 2018, per questo abbiamo voluto fermarci a pensare».

«Ora siamo pronti a chiedere di nuovo la fiducia ai vicentini – e conclude -. Lo faremo mostrando con maggiore dettaglio ciò che è stato realizzato e ciò che stiamo per realizzare, lo faremo raccontando che sono stati anni di lavoro e di successi, non certo di fallimenti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.