Soccorso escursionista caduto in un ghiaione sopra al passo Giau

Soccorso escursionista caduto in un ghiaione sopra al passo Giau

Belluno, 5 luglio 2021 – Alle 11 e 50 la Centrale del Suem è stata allertata per un escursionista caduto in un ghiaione, mentre con 4 amici percorreva il sentiero numero 436 che da Passo Giau porta a Forcella Giau.

F.B. 67 anni, di Martellago (Venezia), era ruzzolato nelle vicinanze di Forcella Col Piombin per alcune decine di metri, riportando un probabile trauma al volto e a una gamba.

Risalito al luogo dell’incidente dalle coordinate ricevute, l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore ha sbarcato a 2.200 metri di quota, in hovering, nelle vicinanze equipe medica e tecnico di elisoccorso. L’infortunato è stato imbarellato e spostato in un punto più agevole per il recupero, avvenuto con un verricello di 20 metri. L’escursionista è stato accompagnato all’ospedale di Belluno.

I tronchi di Vaia “provocano” un infortunio ad una caviglia per un 60enne

Verso le 12 e 50 il Soccorso alpino di Belluno è stato inviato a Mel, comune di Borgo Valbelluna, poiché risalendo la stradina che porta al Bivacco Casera Pilon un uomo si era procurato un sospetto trauma alla caviglia, dopo aver infilato il piede tra due tronchi schiantati da Vaia.

V.V. 68 anni, di Musile di Piave (Venezia), che si trovava con la moglie, è stato raggiunto con il fuoristrada dalla squadra, che lo ha poi accompagnato fino alla Casa scout a Cordellon, dove la coppia aveva parcheggiato l’auto e da dove si è allontanata autonomamente.

fuoristrada del CNSAS Veneto

(Fonte: CNSAS Veneto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.