I Pescatori di Pace cercano i mandandi del lockdown da covid: un processo come a Norimberga

I Pescatori di Pace cercano i mandandi del lockdown da covid: un processo come a Norimberga

Conegliano (Treviso), 1 marzo 2021 – Il presidente dei Pescatori di Pace, Lorenzo Damiano, da sempre critico sulla narrazione ufficiale riguardante dal vicenda della pandemia da Covid, sta chiudendo l’accordo con un Paese dell’Est per ospitare il più grande processo per “Crimine contro l’Umanità” della storia: “Smascherare i colpevoli che stanno rovinando il mondo”. Per capirne di più pubblichiamo.

I Pescatori di Pace lanciano la bomba: “Covid, stiamo organizzando una Norimberga 2”

Il presidente dei Pescatori di Pace, Lorenzo Damiano, in odore di candidatura a sindaco di Conegliano (TV), lancia la bomba: una nuova Norimberga, una Norimberga Due, che porterà a processo tutti coloro i quali da alcuni anni a questa parte hanno costruito il progetto diabolico che parte dal Coronavirus per arrivare alla distruzione completa delle società, dell’economia, della politica, delle individualità, della moralità e soprattutto della fede cristiana.

Spiega Damiano: “Questo progetto, per poche entità, è solo un gioco malefico “discusso a tavolino con un whiskey” del quale fanno parte la Cina, che complice questo terrorismo mediatico si sta comprando tutta l’Europa, coordinandosi molto bene con l’Oms, e molte istituzioni tecnologiche e commerciali potentissime di grandi lobby legate alla massoneria satanica più crudele mai esistita nella storia. Sono state loro nel passato e oggi le vere eminenze grigie nell’organizzare le dittature più pericolose dell’Europa e del mondo avvallandosi anche dell’aiuto di governi e uomini imposti, della propaganda, della censura, della paura. Il Coronavirus, ben studiato e calcolato, è servito e servirà ancora per mettere paura a miliardi di persone, poi manovrabili e vedrà come secondo passaggio il ricatto verso tutti i Paesi sovranisti che non si piegano alle politiche europeiste e globaliste della moneta- Ovviamente sempre in mano ai soliti giocatori seduti al tavolo verde.

Damiano presenta quella che sarà la struttura precisa dell’organizzazione: “Abbiamo contattato professionisti, scienziati, istituzioni finanziarie escluse da questo progetto, case farmaceutiche snobbate, giudici pronti ad incominciare il più grande processo della storia nel nome della Verità e della Pace di tutti i popoli. La location scelta è un Paese dell’Est. Il processo sarà protetto da forze militari e dalle Giacche Bianche dei Pescatori di Pace. Tutti potranno partecipare a questo processo e noi abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti: gli altri Paesi che vorranno unirsi per smascherare finalmente questo progetto di morte potranno farlo. Ed è già così che sta accadendo. A partire dall’India che ha già processato Bill Gates per la sua politica vaccinale che ha provocato centinaia di migliaia di malati e con la stiamo già chiudendo gli accordi.

Infine la chiamata al popolo e il richiamo immancabile alla cultura cristiana: “Aveva ragione Trump, vincitore delle elezioni scandalosamente poi truccate con l’appoggio anche dell’Italia, a voler destituire le Nazioni Unite e ad abbandonare l’Oms, cassaforte e depositaria, a questo punto possiamo dirlo, di comprovati progetti volti a distruggere la popolazione. E’ tempo che il popolo ritorni a sperare, tutte le categorie lavorative devono essere pronte ad intervenire ed aiutarci perché questo inferno finisca e finalmente si scoprano i volti dei veri responsabili di tutto questo e che siano condannati prima che sia troppo tardi. E’ ora che ritorni al centro della nostra storia e della nostra cultura e della vita quotidiana la luce della Verità che per me –chiude – non è altro che Gesù. Occorre farlo affinchè veramente non accadano più dittature, perché questa, con restrizioni evidenti di libertà personale e individuale, con alla mano numeri di una pandemia gonfiata, l’ha detto il dottor Palù, presidente dell’AIFA, che la mortalità di questo coronavirus è dello 0,25, è veramente una dittatura. Viva le libertà, viva le democrazie, viva Cristo Risorto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.