A Vicenza CGIL e FIOM sul piede di guerra dopo l’ennesimo morto sul lavoro

A Vicenza CGIL e FIOM sul piede di guerra dopo l’ennesimo morto sul lavoro

Dichiarazione dei segretari generali della Cgil Vicenza, Giampaolo Zanni, e della FIOM di Vicenza e provincia Morgan Prebianca, in relazione all’incidente mortale avvenuto a Malo: 

“Ancora un altro morto sul lavoro nella nostra provincia, già pesantemente colpita nel 2019; un’altra tragedia umana, familiare e sociale. Questo ennesimo dramma sul lavoro rende ancora più grave ed inaccettabile il fatto che mancano i controlli perché i servizi di prevenzione (gli Spisal) non sono messi in grado di operare perché mancano risorse e personale. Dopo l’ultimo infortunio mortale avevamo unitariamrnte chiesto al Prefetto una “scossa”, un forte intervento contro gli infortuni nella nostra provincia; sono passati 2 mesi e ancora attendiamo, e nel frattempo continua la strage. 

È evidente che non ci resta che la lotta sindacale per costringere le aziende ad investire sulla sicurezza, le istituzioni ad intervenire ed i lavoratori ad essere i primi a pretendere sicurezza nei luoghi di lavoro. Questo la Cgil proporrà a Cisl e Uil di Vicenza e del Veneto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.