Torna a volare la giovane aquila soccorsa ai piedi del monte Cengio

Torna a volare la giovane aquila soccorsa ai piedi del monte Cengio

Cogollo del Cengio (Vicenza), 10 febbraio 2022 – E’ tornata sui suoi monti l’aquila liberata oggi a Cogollo del Cengio dopo essere stata curata al Centro di Recupero Rapaci di Fimon. Ad organizzare l’evento la Regione Veneto.

Presente il consigliere provinciale con delega alla Polizia Provinciale Mattia Veronese affiancato dal comandante Claudio Meggiolaro. La Provincia di Vicenza gestisce il Centro Recupero Rapaci dove l’aquila è stata curata con passione e competenza da Alberto Fagan. “Il Centro di Fimon è attivo dal 1983 -ha sottolineato Veronese- e rappresenta un presidio di salvaguardia del patrimonio faunistico vicentino. Fagan è uno dei più grandi esperti di cura dei rapaci a livello internazionale, a lui vengono affidati rapaci debilitati o feriti che grazie a lui possono tornare in salute ad abitare il nostro territorio.”

L’aquila liberata oggi è entrata nel Centro di Fagan lo scorso agosto. Pesava 3,3 kg e dalle analisi fatte in collaborazione con il dottor De Logu dell’Università di Bologna è emerso un leggero saturnismo. Ora l’animale pesa 4,5 kg, è in forma fisica perfetta ed è pronto a tornare nei suoi monti, dotato di una trasmittente che consentirà di seguirne gli spostamenti.

Nel Vicentino ci sono 5 o 6 coppie di aquile, alcune nidificanti. Le zone principalmente frequentate da questi rapaci sono monte Pasubio, gruppo Carega, Altopiano di Asiago, Valsugana, monte Grappa. Solitamente il loro territorio è stimato in un raggio di 6 km dal nido.

Qui il comunicato stampa del Consiglio regionale del Veneto con le dichiarazioni del presidente Roberto Ciambetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.