Presto le tute spaziali sottili come la pelle arrivano dal Mit di Boston

Lady Data

Lady Data

Le tutine di Star Trek oramai sono alla nostra portata. Infatti sembrano proprio uscite da un film di fantascienza le tute spaziali che si auto-modellano e sottili come una seconda pelle che si stanno progettando al Massachusetts Institute of Technology (Mit). Se oggi gli astronauti sono costretti a indossare ingombranti e scomode tute pressurizzate, in futuro potrebbero affrontare nello spazio

 avvolti in abiti leggerissimi, elasticizzati e aderenti, modellati da minuscole pieghe leggermente in rilievo.

Entrare in una tuta di questo tipo sarà molto più semplice: basterà collegarla ad una fonte di alimentazione elettrica per ‘azionare’ le pieghe facendole contrarre in modo che la tuta aderisca perfettamente al corpo.

E’ una tuta pressurizzata a tutti gli effetti, in grado perciò di far lavorare gli astronauti in sicurezza e nello stesso tempo garantendo loro una grande libertà di movimento.

Toglierla è altrettanto semplice: basta applicare un piccola forza perché la tuta perda la sua aderenza. Le pieghe ‘attive’ sono in fase di sperimentazione nel laboratorio di Aeronautica, Astronautica e Ingegneria dei sistemi diretto da Dava Newman.

Ciascuna piega è realizzata in un materiale a memoria di forma, ossia un materiale che può essere deformato e in seguito riprendere la forma originaria, e si contrae in risposta al calore. L’obiettivo, ha spiegato la ricercatrice, ”è ottenere la stessa pressurizzazione delle tute tradizionali, ma applicando una pressione meccanica direttamente sulla pelle anziché utilizzare il gas”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.