Indagini su presunti brogli elettorali a Schio

La Procura di Vicenza ha aperto un’inchiesta su presunti brogli elettorali alle scorse amministrative a Schio. Tre firme, presenti nella lista del partito Italia dei Valori, a sostegno dell’ex candidato sindaco Dario Tomasi, apparterrebbero a persone decedute.
L’anomalia è stata segnalata dalla sottocommissione elettorale circondariale. L’ipotesi di reato su cui la Procura sta lavorando sarebbe di falso ideologico.
Per ora, comunque, non ci sarebbero indagati. All’epoca, tuttavia, l’Idv non prese parte alla tornata elettorale per la mancata presentazione di alcuni documenti.
Il primo cittadino Valter Orsi chiede che venga fatta presto chiarezza sul caso “nell’interesse di tutta la comunità scledense”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.