Guerra in Ucraina, una manifestazione per la pace e “baruffe vicentine” [Podcast]

Guerra in Ucraina, una manifestazione per la pace e “baruffe vicentine” [Podcast]

Vicenza, 28 febbraio 2022 – Polemiche a non finire sulla manifestazione per la pace in Ucraina organizzata sabato pomeriggio 26 febbraio 2022 a Vicenza in piazza Matteotti. Una signora ucraina ha m di concludere il suo discorso a Cinzia Bottene vicepresidente dell’ANPI (associazione nazionale Partigiani d’Italia) che ha proposto una riflessione storica e geopolitica sicuramente troppo impegnativa per una manifestazione di piazza. Molti partecipanti (consiglieri comunali di centrodestra, ma anche gli esponenti di Azione e +Europa) hanno lasciato la piazza. A bocce ferme due giorni dopo il Partito Democratico e la CISL accusano l’ANPI: “Dal palco parole inaccettabili”.
Insomma in un momento drammatico per l’Ucraina i vicentini sono riusciti a “baruffare” invece di trovare unità per la PACE e CONTRO la GUERRA scatenata dall’invasore russo.
Abbiamo intervistato Marco Milioni, che su VicenzaToDay.it sin da subito ha documentato al meglio ciò che era successo.
E chiudiamo con una riflessione che parte dalla condanna, senza se e senza ma, della guerra con l’auspicio che ci possano essere trattative costruttive per la non belligeranza e per salvare vite umane. Per fare questo però e sempre e comunque necessario capire le ragioni dell’altro: altrimenti non resta che la guerra, ma questa volta la situazione è davvero grave.

Una foto che fa capire quanto fosse partecipato l’evento e che forse l’Amministrazione comunale avrebbe dovuto ospitare in piazza dei Signori coordinando l’iniziativa vista l’innumerevole presenza di persone di nazionalità ucraina

vicenza contro la guerra in ucraina
La manifestazione in piazza Matteotti che sta lasciando strascichi notevoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.