Soccorritori al lavoro sulle Dolomiti ampezzane

Soccorritori al lavoro sulle Dolomiti ampezzane

Molti interventi ieri sabato 13 luglio 2019 del Soccorso Alpino del Veneto sulle Dolomiti.

BLOCCATO PER UNA FRANA
Alle 15.50 circa dalla Centrale del 112 è arrivata la segnalazione di un escursionista in difficoltà sopra l’abitato di Sottoguda (Belluno). Scendendo dal sentiero numero 685, ormai nella parte terminale, A.B., 49 anni di Siena, aveva trovato una frana di fronte a sé e non era più stato in grado di proseguire.
Dopo essere riusciti a geolocalizzarlo, una squadra del Soccorso alpino della Val Pettorina lo ha raggiunto e riaccompagnato a valle.

COLPITA DA UN SASSO: RECUPERATA CON L’ELICOTTERO
Alle 16.30 l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione del Pomagnagon, a Cortina d’Ampezzo, dove nel rientro dalla quinta alla terza cengia della Via Teston del Bartoldo,  una rocciatrice era stata colpita da un sasso. Non senza difficoltà a causa del forte vento, l’eliambulanza ha recuperato l’infortunata, I.D.R., 44 anni di Bologna con un verricello di 20 metri e la ha trasportata all’ospedale di Belluno a seguito del sospetto trauma vertebrale riportato.
L’elicottero ha poi tentato di riavvicinarsi alla parete, in cui era ancora bloccato il compagno della donna, senza purtroppo riuscirci sempre per le raffiche di vento. Successivamente è intervenuto un mezzo dell’Aiut Alpin Dolomites di Bolzano.

SBAGLIANO LA VIA SULLA TORRE WUNDT
Poco prima delle 19 la Centrale del 118 è stata contattata da una cordata di 3 ragazzi che, arrivata in cima alla Torre Wundt, scalata la Mazzorana, aveva sbagliato la via di rientro. Grazie alle informazioni telefoniche della Centrale e del Soccorso alpino di Auronzo, ricevute anche tramite il gestore del Rifugio Fonda Savio date le difficoltà nelle comunicazioni, i tre alpinisti hanno proseguito le doppie lungo una via alternativa e sono arrivati alla base della parete autonomamente.

TRAUMA AL GINOCCHIO: RECUPERATA
Alle 19 una squadra del Soccorso alpino di Livinallongo è intervenuta a Porta Vescovo, poco sopra la stazione di partenza della funivia, per una turista tedesca di 59 anni che si era procurata un probabile trauma al ginocchio. Raggiunta in jeep, la donna è stata poi portata ad Arabba dove alloggia.

Fonte: Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico del Veneto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.