Riprese le ricerca della giovane scomparsa in Alpago nelle vicinanze del Lago di Santa Croce

Una unità cinofila del Soccorso alpino del Veneto

Una unità cinofila del Soccorso alpino del Veneto

Sono riprese questa mattina alle 7 le ricerche di Deborah, la ventitreenne bellunese, la cui scomparsa risale a venerdì sera. Attualmente 110 persone, suddivise in squadre, stanno perlustrando le diverse zone a loro affidate attorno al lago di Santa Croce e nelle aree limitrofe al parcheggio, dove è stata rinvenuta l’auto della ragazza, vicino al ponte sul Tesa, e dove si trova il campo base con il Centro di coordinamento delle operazioni del Soccorso alpino. Con la supervisione dei carabinieri si stanno verificando tutte le possibilità, incrociando anche i dati delle telecamere di sorveglianza della banca di Farra d’Alpago e dei comuni dell’Alpago e di Ponte nelle Alpi. L’elicottero del Corpo forestale dello Stato con a bordo personale del Soccorso alpino ha inoltre effettuato un nuovo sopralluogo dall’alto. Nessuna nuova segnalazione è pervenuta oggi. Sono presenti Soccorso alpino, Guardia di finanza, vigili del fuoco, associazioni di Protezione civile e Belluno emergenza, con diverse unità cinofile. Si ricorda che al momento della scomparsa Deborah indossava un paio di leggings scuri, una camicetta grigio chiara, una giacca blu e calzava stivaletti alla caviglia marrone. Chiunque avesse sue informazioni è pregato di contattare i carabinieri.

(fonte: Soccorso Alpino del Veneto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.