Recuperato alpinista su Pomagagnon dopo una notte in quota

Recuperato alpinista su Pomagagnon dopo una notte in quota

14 luglio 2019 – È stato recuperato questa mattina alle 6.30 l’alpinista rimasto in parete sul Pomagagnon dopo l’infortunio della compagna.
La coppia era salita ieri per la “diretta”, ma, al momento di rientrare dalla quinta cengia verso il ghiaione, un sasso caduto dall’alto aveva colpito la donna, I.D.R., 44 anni, di Bologna, alla schiena.
Scattato l’allarme verso le 16.30, era decollato l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore che, dopo un paio di tentativi di avvicinamento resi difficile dalle forti raffiche di vento, era riuscito a sbarcare il tecnico del Soccorso alpino dell’equipaggio con un verricello di 25 metri a circa 2.100 metri di quota.

Il soccorritore aveva spostato i due alpinisti in un posto più agevole per togliersi dalla parere, prestando le prime cure alla rocciatrice. L’eliambulanza era poi tornata completando la verricellata di imbarco di tecnico di elisoccorso e infortunata, subito trasportata all’ospedale di Belluno.

Quando però era stato il momento di recuperare l’uomo, il vento aveva ostacolato tutti i tentativi dell’elicottero. Neppure l’eliambulanza dell’Aiut Alpin Dolomites di Bolzano intervenuta verso le 22 aveva potuto ultimare il soccorso, poiché l’alpinista, spostandosi più in basso, si era fermato sotto una gobba e non era raggiungibile.

Questa mattina, il Pelikan di Bolzano ha imbarcato un tecnico del Soccorso alpino di Cortina in supporto alle operazioni e ha effettuato il recupero dello scalatore con un verricello di 90 metri. 

fonte: Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico del Veneto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.